Geografie sonore: una mappa immaginaria.

World Song Map Mondo canzoni mappa

Una playlist da appendere al muro.

Una mappa immaginaria del mondo in cui i continenti, i paesi, le città, gli oceani, i fiumi e i monumenti sono composti dai titoli di oltre 1.000 canzoni. Basata sullo stile di una vecchia carta murale del mondo degli anni ’50, presenta classici ovvi come Born in the U.S.A. (Bruce Springsteen), Back in the U.S.S.R. (The Beatles), Anarchy in the U.K. (Sex Pistols), China Girl (David Bowie), New York, New York (Frank Sinatra), Radio Ethiopia (Patti Smith) and Radio Free Europe (R.E.M), oltre a classici di culto e alcuni dei nostri preferiti personali come Trans Europe Express (Kraftwerk), No Sleep till Brooklyn (Beastie Boys), London Calling (The Clash), Town Called Malice (The Jam), Hong Kong Garden (Siouxsie and the Banshees), Fake Tales of San Francisco (Arctic Monkeys), Hit the North (The Fall) and Afrika Shox (Leftfield). 

Puoi ascoltare la Mappa su Spotify. Una playlist per accompagnare la World Song Map di Dorothy, che immagina un mondo di luoghi composti dai titoli di oltre 1.200 canzoni, in continua espansione. Oltre 76 ore di intrattenimento per le tue orecchie.

E se la vuoi acquistare la puoi trovare qui.

Condividi:

Altri Posts

Lavora con noi

Dal manoscritto alla libreria… virtuale Sei un aspirante autore e sogni di condividere la tua storia con il mondo? È comprensibile se ti senti intimidito dall’industria editoriale, ma non permettere

Il gusto della visione . Artiste in Expo 2015

Il cibo al di là della sopravvivenza. Il gusto della visioneArtiste in Expo 2015 Gabriella Benedini, Mirella Bentivoglio, Pinuccia Bernardoni, Renata Boero, Sara Campesan, Giosetta Fioroni, Maria Lai, Paola Levi

Inviaci un Messaggio