Geografie sonore: una mappa immaginaria.

World Song Map Mondo canzoni mappa

Una playlist da appendere al muro.

Una mappa immaginaria del mondo in cui i continenti, i paesi, le città, gli oceani, i fiumi e i monumenti sono composti dai titoli di oltre 1.000 canzoni. Basata sullo stile di una vecchia carta murale del mondo degli anni ’50, presenta classici ovvi come Born in the U.S.A. (Bruce Springsteen), Back in the U.S.S.R. (The Beatles), Anarchy in the U.K. (Sex Pistols), China Girl (David Bowie), New York, New York (Frank Sinatra), Radio Ethiopia (Patti Smith) and Radio Free Europe (R.E.M), oltre a classici di culto e alcuni dei nostri preferiti personali come Trans Europe Express (Kraftwerk), No Sleep till Brooklyn (Beastie Boys), London Calling (The Clash), Town Called Malice (The Jam), Hong Kong Garden (Siouxsie and the Banshees), Fake Tales of San Francisco (Arctic Monkeys), Hit the North (The Fall) and Afrika Shox (Leftfield). 

Puoi ascoltare la Mappa su Spotify. Una playlist per accompagnare la World Song Map di Dorothy, che immagina un mondo di luoghi composti dai titoli di oltre 1.200 canzoni, in continua espansione. Oltre 76 ore di intrattenimento per le tue orecchie.

E se la vuoi acquistare la puoi trovare qui.

Condividi:

Altri Posts

fra le parole wuthering heights bronte

Fra le parole.

L’aspetto della letteratura classica senza le parole. Between the Words è un’esplorazione del ritmo visivo della punteggiatura in famose opere letterarie. Tutte le lettere, i numeri, gli spazi e le

Stephen Shore: a shot beyond “surfaces”.

Stephen Shore. Uncommon Places: The Complete Works Pubblicato per la prima volta nel 1982, il libro di Stephen Shore “Uncommon places” ha plasmato il paesaggio fotografico per oltre una generazione.

Inviaci un Messaggio