Benvenuto nella libreria di Grafiche Turato sas  |  calmadimare.it  |  Venti per ali sensibili

Ferrariæ Decus n. 35+Supplemento monografico

25,00

Ferrariae Decus 35 |  + Supplemento monografico
In 2 volumi una esaustiva indagine sul complesso epigrafico degli Statuti del 1173.

Disponibile

  

Ferrariæ Decus n. 35 | La piazza di Ferrara e gli Statuti comunali del 1173 | A cura di Angela Ghinato e Marialucia Menegatti

Supplemento | I pilastri medievali della cattedrale di Ferrara | A cura di Valeria Virgili con presentazione di Stefano Zanella e introduzione di Giovanni Carbonara e contributi di Chiara Foresti e Francesco Pirani

***

[…] Il complesso epigrafico degli Statuti del 1173 oltre ad essere una testimonianza di straordinaria rilevanza, conferma anche la specifica e speciale collocazione di Ferrara nello ‘scacchiere’ dell’epoca. Del resto, la storia ci dice che la nostra città aveva ottenuto dal Barbarossa alcuni ‘privilegi’ già nel 1164, come la libertà d’azione nell’amministrazione della giustizia, le esenzioni tributarie, le nomine dei consoli. Oggi quelle pietre scolpite lungo il fianco meridionale della Cattedrale ancora ci parlano, sono un simbolo perenne della identità e civiltà ferrarese. E sono una perenne dichiarazione di libertà, custodiscono così il passato, ma anche il presente. Attorno a questa eccellente testimonianza c’è il lavoro, costante e appassionato, di tanti. Di Adriano Franceschini che – come iscritto sulla targa commemorativa della scuola di Porotto a lui intitolata – «liberò la storiografia locale oltre i suoi confini». Sono pochissime le città in Italia che possiedono testimonianze come questa. E sono pochissime le città in Italia che possiedono la ricchezza degli statuti originali (sia a stampa che manoscritti) che oggi sono conservati alla Biblioteca Ariostea. La riscoperta e valorizzazione del complesso epigrafico del Duomo contribuiscono sempre più a diffondere elementi di conoscenza storica sul passato di Ferrara. Ed ecco, allora, che quella pietra torna a parlare e a mostrare, oggi, le sue potenzialità. Ferrariæ Decus e il lavoro appassionato dei tanti che ne stanno svelando i segreti e i dettagli, ha tracciato una strada. Su questo percorso ci mettiamo in cammino per sondare sempre più le possibilità di tornare a far parlare il passato della nostra città, nella sua eterna testimonianza, anche e soprattutto testimonianza di libertà e autonomia. […]

 

La Piazza di Ferrara, la Loggia dei Merciai e altri simboli, di Francesco Scafuri
La Cattedrale di Ferrara: per una ipotesi ricostruttiva delle fasi medievali, di Veronica Vona
Gli enigmi del Maestro dei Mesi di Ferrara
Giovanni Sassu
71 «Summum templum, elegans area»: la Cattedrale e la Piazza
nelle testimonianze del XVI secolo
Marialucia Menegatti
Prima parte
La Piazza e la Cattedrale
Seconda parte
I frammenti epigrafici degli Statuti del 1173
85 La Cattedrale di Ferrara e gli Statuti comunali del 1173
Michele Pastore
93 La mostra fotografica Voci dalle pietre. La Cattedrale di Ferrara.
Frammenti epigrafici degli Statuti medievali del 1173
alla base del governo della città
133 Statuta civitatis Ferrariæ: dall’antica iscrizione della Cattedrale
nell’età del libero Comune alla legislazione di epoca
Pontificia. Percorso alla mostra
Mirna Bonazza
151 Un progetto di restituzione digitale degli Statuti comunali di
Ferrara del 1173. Testo e traduzione del fr. 7 Franceschini e
di un frammento inedito
Alessandro Iannucci, Veronica Degli Esposti,
Simone Zambruno, Antonella Parmeggiani
167 L’Archivio Capitolare della Cattedrale di Ferrara
Giovanni Lamborghini

Peso 0,9 kg
Dimensioni 22 × 32 × 0,7 cm
Stampatore

Grafiche Turato, Rubano (PD)

Anno

Casa Editrice

Dimensioni

Pagine

Pagine supplemento

144

Rilegatura

ISBN

Ancora non ci sono recensioni.

Aggiungi una recensione

Recensisci per primo “Ferrariæ Decus n. 35+Supplemento monografico”

Updating…
  • Nessun prodotto nel carrello.
[iub-tc-button]